• Filtra

    Masciarelli

    Vini Masciarelli

    Cantina simbolo dell'Abruzzo, la Tenuta agricola Masciarelli nasce nel 1981 grazie all'intuito imprenditoriale di Gianni Masciarelli, uomo dalla personalità profonda ed ironica, protagonista dell'affermazione della viticoltura abruzzese moderna. Cuore pulsante dell'azienda è San Martino sulla Marrucina , in provincia di Chieti, che ha saputo crescere nel tempo fino ad arrivare agli attuali 320 ettari, dei quali 273 vitati, distribuiti nelle quattro province abruzzesi. I vigneti hanno natura molto differente tra loro, con terreni ricchi di minerali, posti a varie altitudini dal livello del mare, coltivati seguendo sia il tradizionale allevamento a pergola, sia disponendo i filari a Guyot. Anche le condizioni microclimatiche sono diverse a seconda della zona, incidendo in maniera differente sui vigneti con differenti espressioni che ne esaltano le rispettive peculiarità. Con più di due milioni di bottiglie prodotte all'anno, i numeri non devono trarre in inganno: l'intera produzione mette in mostra un livello di qualità sopra la media, in piena linea con la filosofia di Masciarelli il quale ha da sempre scommesso sulle potenzialità della sua terra e, soprattutto, dei vitigni simbolo della regione: il Montepulciano e il Trebbiano. Grazie anche alla costante presenza al fianco di Gianni della moglie, Marina Cvetic, l'azienda è andata verso un'ulteriore crescita che ha visto nascere le linee più rappresentative della Masciarelli: "Marina Cvetic", dove solo e soltanto lei potesse decidere cosa produrre ed in che modo, "Villa Gemma", "Gianni Masciarelli" ed, infine, "Castello di Semivicoli", suddivise in ben 14 etichette diverse. Fiore all'occhiello dell'intera produzione della cantina è senza dubbio il Montepulciano d'Abruzzo Villa Gemma, esaltato da tutte le guide di settore, inedita interpretazione del grande autoctono della Regione. Sempre in linea con la valorizzazione del territorio e delle proprie varietà, Masciarelli ci propone anche il Trebbiano d'Abruzzo Marina Cvetic, che esprime l'indissolubile legame privato e professionale tra Gianni e la moglie: un vino fuori dal coro dei soliti bianchi, che coniuga la fragranza fruttata tipica con le sfumature boisè dei legni di affinamento. Doverosa, infine, è la menzione all'ottimo Chardonnay, anch'esso rientrante tra le referenze di Marina Cvetic, per un vino di grande stoffa e ricercatezza.

    per pagina

    3 Prodotto/I

    per pagina

    3 Prodotto/I

    Disponibile su Google Play  
     
     
     
    Ottieni subito uno sconto