Seleziona il tuo paese

x
Lo sai che abbiamo anche la consegna in 30 minuti?
Filtra

Cordero di Montezomolo

Vini Cordero di Montezemolo

La tenuta Monfalletto Cordero di Montezemolo vanta una storia secolare. Le sue origini risalgono al 1340, una “dinastia del vino” impegnata dal 1340 sul territorio dell'Annunziata, a La Morra, fin dai tempi in cui la tenuta era estesa per centinaia di ettari, dedicati anche all'allevamento di ovini e bovini da latte e alla coltivazione di grano e pesche. La proprietà delle terre di La Morra si protrae per ben sedici generazioni sino al trapasso della contessa Luigia Falletti di Rodello avvenuto nel 1941. La proprietà passa così al più stretto erede legittimo, Paolo Cordero di Montezemolo, nipote della contessa e padre dell’attuale titolare Giovanni Cordero di Montezemolo che tutt’ora conduce l’azienda insieme ai figlie Elena ed Alberto. Negli anni 80 rinnovarono la produzione interpretando la modernità e abbandonando la cantina storica a La Morra per trasferire l'attività a Cascina Monfalletto. Tutti i vigneti sono disposti in un corpo unico di 30 ettari attorno alla cascina, per la maggior parte raggruppati in un unico corpo a La Morra, nel cru Monfalletto-Bricco Gattera, e da essi si ottengono esclusivamente vini a denominazione d’origine, Docg e Doc. La posizione è strategica, nel cuore della zona del Barolo, con esposizioni e altitudini ottimali per una corretta maturazione di tutte le varietà d’uva. Il Nebbiolo, utilizzato per la produzione del Barolo, rappresenta gran parte della superficie coltivata e storico fiore all’occhiello dell’azienda. Altri vini importanti sono Dolcetto d’Alba, Langhe Arneis, Barbera d’Alba e Langhe Chardonnay. La scelta produttiva è quella della coltivazione biologica in vigna, mantenendo sempre vivo il legame tra innovazione e tradizione. La tenuta infatti è gestita utilizzando tecniche di coltivazione poco invasive, in quanto il principale obiettivo dell'azienda si fonda sull'idea di preservare la biodiversità del territorio per garantire la qualità sia degli esseri umani che vi lavorano, sia quella dei vini prodotti. La cantina, ristrutturata nell’arco dei dieci anni a cavallo del nuovo millennio, rappresenta un esempio perfetto di integrazione architettonica all’interno del paesaggio circostante, dove geometrie rurali e moderne si fondono armonicamente.

per pagina

4 Prodotto/I

per pagina

4 Prodotto/I

Disponibile su Google Play  
 
 
 
Newsletter